Dal 1947 ad oggi solamente 11 donne hanno vinto il premio Strega. Quali sono?

Elsa Morante vincitrice del premio Strega
Elsa Morante vincitrice del premio Strega

Il Premio Strega è uno dei premi letterari più prestigiosi d’Italia. Creato nel 1947 da da Maria Bellonci e da Guido Alberti , viene assegnato ogni anno all’autore o autrice che abbia pubblicato un libro in Italia tra il 1º aprile dell’anno precedente e il 31 marzo dell’anno in corso. In più di 70 anni di storia del premio strega, sono solamente 11 le donne che lo hanno vinto

  • Elsa Morante (1953), Con il romanzo L’isola di Arturo Elsa Morante è stata la prima donna a vincere il premio Strega. L’isola di Arturo racconta la storia dell’adolescente Arturo Gerace. Il giovane è cresciuto da solo sull’isola di Procida, la madre è morta dandolo alla luce mentre il padre è continuamente in giro per il mondo. Quando il giovane conoscerà l’amore, e il padre sposerà un’altra donna, le sue certezze (e il suo mondo, racchiuso nell’amata isola) crolleranno inesorabilmente.
  • Natalia Ginzburg (1963). Vincitrice del premio Strega con il romanzo autobiografico Lessico Famigliare nel quale racconta le vicende della sua famiglia, di origine ebraica, tra gli anni Venti e Cinquanta. Narrando eventi legati al fascismo e alla seconda guerra mondiale, parla anche dell’uccisione, per attività antifasciste, del marito Leone Ginzburg e il suicidio di Cesare Pavese, con cui, alla fine della guerra, la Ginzburg iniziò a lavorare.
  • Anna Maria Ortese (1967). Vincitrice del premio con il romanzo Poveri ma semplici. Nei primi anni del dopoguerra un gruppo di giovani artisti divide un appartamento nel cuore di Milano.I ragazzi sopravvivono a stento con lavori sporadici e mal pagati, in costante ritardo con l’affitto e le spese, perennemente in bilico fra esaltazione e sconforto, entusiasmo e disillusione.
  • Lalla Romano (1969). Vinse il premio Strega con un romanzo ambientato all’epoca delle rivolte giovanili di fine anni Sessanta e incentrato sul rapporto, conflittuale, tra una madre e il figlio adolescente dal titolo Le parola tra noi leggere.
  • Fausta Cialente (1976). Vincitrice del premio Streca con Le quattro ragazze Wieselberger. Attraaverso la storia della famiglia Wieselberger la Cialente ci racconta la Triste di inizio Novecento fino ad arrivare ad un Italia sopraffatta dalle due guerre mondiali.
  • Maria Bellonci (1986). Tra le donne premiate figura anche l’ideatrice del premio Strega. Vincitrice con il romanzo Rinascimento privato, una biografia immaginaria di Isabella d’Este scritta, però, sotto forma di romanzo autobiografico. Sullo sfondo, i momenti cruciali del Rinascimento italiano.
  • Mariateresa Di Lascia (1995) vinse il premio Strega con il romanzo pubblicato postumo Passaggio in ombra. La protagonista del romanzo è Chiara D’Auria, donna di mezza età non sposata che vive in una città dell’Italia meridionale. Sentendo approssimarsi la morte, essa si mette a rievocare gli eventi della sua vita e di quelle dei suoi famigliari.
  • Dacia Maraini (1999). Vincitrice del premio Strega con Buio, una raccolta di 12 racconti, ispirati a fatti realmente accaduti, una serie di delitti che il commissario Adele Sòfia deve risolvere, ricorrendo al suo intuito ed alla sua profonda umanità.
  • Margaret Mazzantini (2002). Vincitrice del premio Strega con il celebre romanzo Non ti muovere. Il libro, il cui filo conduttore è la paura della morte, è la storia di un uomo, Timoteo, che si racconta alla figlia in coma dopo un terribile incidente.
  • Melania Gaia Mazzucco (2003). Vincitrice del premio con Vita. Romanzo che racconta la storia di due ragazzini campani, Vita e Diamante, sbarcati nel 1903 a New York. In un paese sconosciuto, i due ragazzini si metteranno in gioco per una vita migliore di quella dell’Italia
  • Helena Janeczek (2018) ultima donna vincitrice del premio Strega con  La ragazza con la Leica. Ambientato nella Spagna degli anni Trenta e racconta, attraverso i ricordi di chi l’ha conosciuta, la straordinaria seppur brevissima vita della fotografa Gerda Taro.

Il 2 luglio, quando al Ninfeo di Villa Giulia si terrà la finale dell’edizione 2020 del premio Strega, è ancora lontano. Crescerà il numero delle donne vincitrici?

Quali sono quei libri che secondo voi avrebbero meritato il premio Strega, ma non sono riusciti a vincere? Fatecelo sapere nei commenti.

A presto!

Questo sito web utilizza dei cookie tecnici di sessione per migliorare la navigazione e la fruibilità; non vengono installati cookie di terze parti per finalità commerciali.Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi