MATILDE SERAO

«Tutto il giornalismo italiano è figlio di Matilde Serao»

Miriam Mafai

«Aveva il giornalismo nel sangue»

Anna Banti

«La più forte prosatrice d’Italia»

Giosuè Carducci

«Fantasia mirabilmente limpida e viva»

Benedetto Croce

Matilde Serao (1856 – 1927). Nata a Patrasso da padre napoletano, rifugiato in Grecia poiché garibaldino e antiborbonico, e madre greca torna con la famiglia a Ventaroli, tra Gaeta e Spatanise. Bambina irrequieta e vivace, comincia a leggere e scrivere a nove anni iniziando le elementari a Napoli. Frequenta la Scuola Normale dove consegue il diploma di maestra. Abituata all’ambiente giornalistico per il lavoro del padre, redattore de «Il Pungolo», nel 1878 pubblica il suo primo racconto sul «Piccolo», da quel momento inizierà la sua lunga carriera di giornalista. Nel 1882 si trasferisce a Roma e lavora come redattrice del «Capitan Fracassa», collabora alla «Nuova Antologia» e a «Fanfulla della Domenica». Conosce Edoardo Scarfoglio con cui si sposerà nel 1885 e da cui avrà quattro figli: Antonio, Carlo, Paolo e Michele ma da cui si separerà nel 1904 dopo aver accettato in casa la figlia illegittima Paolina, che crescerà come sua. Avrà un’altra figlia, Eleonora, dal compagno Giuseppe Natale.

Con Scarfoglio fonderanno «Il Corriere di Roma», a cui partecipano molti illustri intellettuali e scrittori come D’Annunzio, Fogazzaro, Verga e Di Giacomo, «Il Corriere di Napoli» (1886), su cui Matilde terrà la rubrica Api, mosconi e vespe, e «Il Mattino» (1892). È direttrice e redattrice di molte riviste tra cui «Il Mattino-supplemento» (1894-1895). Prima del 1904, anno in cui fonda lei sola «Il Giorno» che dirigerà fino alla morte – e dove si firmerà molto spesso con lo pseudonimo di Gibus – apre una piccola rivista letteraria «La Settimana» (1902-1904).

Donna straordinaria, dall’ingegno acuto e dinamico dalla personalità artistica vivace, tumultuosa, indisciplinata, Matilde Serao possiede quella capacità mediatica che fa di lei una giornalista moderna. Oltre al suo impegno nel mondo giornalistico, con il ruolo di forte agitatrice sociale e culturale e autrice di inchieste, che spesso firmava con pseudonimi, la produzione scrittoria della Serao riguardò anche il mondo letterario: fu scrittrice di novelle, romanzi, saggi critici, pamphlet e note di viaggio. Tra i testi che rappresentano di più la sua adesione al naturalismo elaborandolo in un verismo istintivo, mimetico, immediato sono Fantasia (1883), Le virtù di Cecchina (1884), Il ventre di Napoli (1884), La conquista di Roma (1885), Vita e avventure di Riccardo Joanna (1887), il Paese della cuccagna (uscito a puntate tra il 1890-91 e ripubblicato da Elliot nel 2017) e Dal vero (1891). Tra le ripubblicazioni si ricardano L’amante sciocca (Elliot 2017), Lettere d’una viaggiatrice (Elliot 2017), Trenta per cento (Elliot 2017).

Morì a Napoli il 25 luglio 1927.

Questo sito web utilizza dei cookie tecnici di sessione per migliorare la navigazione e la fruibilità; non vengono installati cookie di terze parti per finalità commerciali.Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi